Azienda La Colombera a Vho di Tortona

Pubblicato il da Nonsolodivino

Sui colli che circondano Tortona l'azienda famigliare diretta da Elisa e dal padre Piercarlo sta valorizzando le varietà che qui trovano ottime condizioni, vale a dire il Timorasso, il Barbera e la Croatina.

Timorasso Derthona 2006: la strada tracciata da Walter Massa ha trovato validi interpreti, Elisa è senza dubbio tra loro. Il vino si presenta con un' impronta aromatica di qualità dove spicca un bel frutto, note di fiori bianchi e una fresca mineralità, è morbido e deciso con un soddisfacente finale integrato in una buona struttura.

Timorasso Riserva 2006 (campione non ancora commercializzato): è più strutturato e di maggiori complessità rispetto al precedente, anche se al momento è chiuso, ha un equilibrato volume e un lungo finale spiccatamente minerale. Un vino d'ottimo potenziale che non avrà problemi a durare 6-7 anni. Gran bel vino

Vegia Rampana 2006: una Barbera che ci offre un frutto fresco e distinto (note di marasca e ciliegia), è nervoso, i tannini di buona maturità introducono un buon finale minerale. Semplice ma molto piacevole.

Elisa 2004: il cru Vigna Brusà origina una Barbera di bella personalità e finezza i ricordi sono di marasca e more ben amalgamate a un fondo speziato. Ha buon volume e un'equilibrata freschezza; il finale ha grande bevibilità e spiccatamente fruttato e minerale. Una bella espressione che si differenzia totalmente da quelle "Barberone" muscolose, dense e stancanti.

Archè 2004: una Croatina di colore impenetrabile, densa, con una trama tannica prorompente e di una certa rusticità ma ben integrata nella struttura generale. Il finale da ritorni di frutta nera e minerali. Non diventerà mai elegante, ma questo fa parte della sua tipicità.

Suciaja 2004: il vitigno che da frutto a questo vino è il Nibiò (famiglia del Dolcetto) da un vino di una certa rusticità dove i tannini lasciano il finale di bocca asciutto, sensazione non completata dalla struttura e che al momento ci disturba un po'.

Veramente una bella scoperta, un'azienda che vale la pena visitare e conoscere maggiormente; grazie Davide per il suggerimento.

Commenta il post